Escursioni delle isole Ponziane

Zannone

La piccola Zannone è l'unica delle isole dell'Arcipelago Ponziano non di origine vulcanica . Dal '79 è stata annessa al Parco Nazionale del Circeo.

Dall'isolotto di Gavi all'estremo nord di Ponza, la rotta conduce diritta al Varo, l'unico posto idoneo allo sbarco su Zannone quando il mare e' ben calmo.
Inizia qui e dai cuscini compatti di lentisco e fillirea la nostra lettura del paesaggio dell'isola. La macchia mediterranea, con rosmarino, erica, euforbia ci accompagna lungo le rocce vulcaniche erose dal versante sud-ovest fino alle Grottelle. Dopo lo Scoglio Monaco, un tufo smangiucchiato dal mare in cui e' difficile raccogliere quelle sembianze di un frate che qualcuno vi deve aver visto, e proseguendo verso Punta Levante, affiorano le preziosita' geologiche di Zannone. Rocce metamorfiche antichissime, forse risalenti a circa 300 milioni d'anni fa, completamente diverse, come storia e come origine, dalle altre, vulcaniche, presenti sull'isola e in tutto l'arcipelago. Dalla Punta del Lauro a Capo Negro, si susseguono altri spunti d'interesse: la ricca vegetazione di lecci, allori, erica e ginestre efedroide, alti strati rocciosi di calcari e dolomie affioranti, Cala Marina e la piccola cala detta Ceca dei pesci, in cui in passato i pescatori facevano raggruppare banchi di pesce da catturare in una sorta di "mattanza" incruenta. Da Capo Negro, verso il Faro e oltre scopriamo altre rocce sedimentarie, calcari grigi d'anni con sopra arenarie, marne scure e altra vegetazione. E' nel versante settentrionale di Zannone, infatti, che rimane la testimonianza piu' apprezzabile dell'antica vegetazione dell'arcipelago, altrove distrutta da secoli di tagli e, piu' recentemente, da incendi. I lecci, alcuni vecchissimi, accompagnati da corbezzoli, olivastri e alaterni formano un intreccio folto e impenetrabile, un alto "forteto" - cosi' si definisce la macchia mediterranea piu' folta e rigogliosa - destinato, con la protezione assicurata dal Parco Nazionale del Circeo, a diventare forse una vera e propria foresta sempreverde. Il giro dell'isola, breve, si conclude tornando al Varo. Zannone non ha ridossi apprezzabili e chi naviga, se il tempo non e' piu' che bello, deve far base a Ponza, nel porto o in rada. Come abbiamo già detto l'unico posto idoneo allo sbarco su Zannone è il Varo vicino alla Peschiera di epoca romana. Il mare deve essere calmo altrimenti non è possibile sbarcare. Pochi scalini e il mondo è alle spalle, perché inizia una passeggiata tra la natura incontaminata di un'isola dove, tranne qualche agente del Corpo forestale dello stato, non c'è nessuno. Sull'isola non ci sono serpenti ma in compenso si trovano tante lucertole, quelle nere di una specie che secondo quanto riferiscono i cartelli affissi dal Parco vivono solo qui. Quando ci si inoltra nel “bosco piccolo” si è accompagnati dal verso dei gabbiani e da quelli di uccelli e insetti presenti, niente altro. La passeggiata dev'essere fatta nel massimo silenzio altrimenti i mufloni scappano. Questa rara specie di capre arrivò sull'isola nel dopoguerra e da allora prospera indisturbata. Fino a un paio d'anni fa c'erano anche degli asinelli. Si sale per il bosco, nessun cartello a indicare il “belvedere” ma quando si arriva lì uscendo dalla vegetazione c'è lo spettacolo di Ponza e Palmarola da un lato e della costa dall'altro. In fondo il mare cristallino. Può iniziare la discesa verso il Faro una parte più brulla, ma non per questo meno affascinante. Ma prima una visita ai resti del monastero cistercense. A Zannone vissero i monaci Benedettini prima ed i Cistercensi successivamente. I monaci Cistercensi eressero il monastero di Santo Spirito che abbandonarono nel 1300 per le continue incursioni dei pirati. La leggenda vuole che non ci siano bisce o serpenti perché andarono via con gli stessi monaci, al suono di un flauto, alla volta della Montagna Spaccata di Gaeta dove c'è un monastero simile. Successivamente su una parte dei resti del monastero il marchese Camillo Casati Stampa di Soncino edificò una villa ormai anch'essa in stato di abbandono. L'isola dagli anni Venti era stata data in concessione alla famiglia Casati come riserva di caccia. Il marchese Camillo, Camillino per gli amici si vantava di tener lontano i turisti a suon di fucilate. Camillino amava invitare a Zannone soldati, marinai, studenti, coppie di scambisti in quanto provava il massimo piacere a vedere la consorte, Anna Fallarino, unirsi con altri uomini, mentre lui fotografava. Un ménage culminato nel duplice omicidio e suicidio nel superattico di via Puccini a Roma, quando Camillo uccise a fucilate la moglie ed uno dei giovani amanti, Massimo Minorenti, e a sua volta si tolse la vita.
Leggi Tutto

Escursioni a Ponza

Nessun soggiorno a Ponza può dirsi completo senza un classico giro dell'isola, un tour delle coste isolane per ammirare i colori del mare, le piccole baie e le splendide grotte.
Leggi Tutto

Escursioni di Palmarola

Palmarola è stata definita da Folco Quilici una delle isole più belle del mondo. Il tour di Palmarola parte dal porto di Ponza tutti i giorni.