Escursioni delle isole Ponziane

Ponza

Escursione di Ponza

Nessun soggiorno a Ponza può dirsi completo senza un classico giro dell'isola, un tour delle coste isolane per ammirare i colori del mare, le piccole baie e le splendide grotte. Ogni giorno partono tour organizzati che permettono di effettuare il giro dell'isola in poche ore (una soluzione ideale anche per chi si trova a Ponza solo per un giorno) ma è possibile anche noleggiate una barca o un gommone con o senza marinaio. Il tipico itinerario del giro dell'isola, l'unica soluzione per ammirare tutte quelle località raggiungibili solo via mare, parte dal porto di Ponza e procede verso occidente. Ecco tutte le bellezze che l'isola presenta durante il giro in barca:
santa maria ponza

SANTA MARIA

Piccola frazione dell'isola, distante dal porto 15 minuti a piedi, vi sono una chiesetta, i resti del porto romano, la cisterna del "Serpente". Dal 27 luglio al 7 agosto del 1943 Benito Mussolini come prigioniero, soggiornò nell'edificio sulla spiaggia ora adibito a pensione. Antico porto romano, detto di "Circe". Diversamente da come appare oggi si estendeva fino all'interno.

GROTTE AZZURRE

Visitabili con piccole imbarcazioni, interessanti per un fenomeno ottico, per cui, in certe ore di luce, i corpi immersi diventano azzurri. In fondo alle grotte vi sono delle spiaggette.

SCOGLIO CACIOCAVALLO

Si dice che al tempo in cui lo scoglio aveva una forma fallica, le donne sterili vi andassero in pellegrinaggio di notte considerandolo un talismano. Un crollo della sommità mise fine alla superstizione.

SPIAGGIA DI FRONTONE

Prende il nome dalla forma della roccia tufacea bianca simile al "frontone" di un tempio greco. Accessibile via terra per mezzo di un sentiero poco praticato (85% difficoltà) Servizio accompagnamento, molto frequente, dal porto. Distante miglia 0.9. Tempo d'andata minuti 9. Resta in ombra dalle ore 17:00 circa.

BAIA DEL FORTINO

Baia riparata, vi sono scogli di tufo abbastanza confortevoli per prendere il sole, servizio accompagnamento dal porto. Attracco provvisorio e sentiero che conduce al fortino, costruito nel 1813, attualmente non e' visitabile.

LA PIANA BIANCA

Il colore di questo tipo di roccia viene notevolmente influenzato dalle condizioni climatiche. Con cielo sereno e aria tersa il tufo diventa particolarmente bianco, con cielo coperto ed aria umida, il tufo si avvicina alle tonalità scure del grigio. Zona inaccessibile via terra, servizio accompagnamento dal porto, distante miglia 1.1, tempo di andata 11 minuti. resta in ombra dalle 16.00 circa.

GROTTA DEGLI SMERALDI

E' possibile entrarvi con piccole imbarcazioni ed a motore spento, in alto è visibile un foro dell'acquedotto greco-romano. L'orario consigliato per visitarla è al mattino.

SPIAGGIA DEL CORE

La spiaggia prende il nome da una roccia a forma di cuore ferito, grondante sangue. Distante dal porto 1.5 miglia, tempo di andata 15 minuti, resta in ombra dalle 14.30 circa.

IL CORE

Spaccato alla base da sembrare la tunica di un prete, denominato anche faraglione e grotta dei molluschi. Si può attraversare a nuoto o con una canoa.

ARCO DEL PARROCO

In questa zona è ben visibile il cunicolo dell'acquedotto greco-romano che da Cala dell'Acqua arrivava fino al centro abitato di Ponza. Nella seconda meta' del XVIII secolo furono scavati nella roccia i gradoni, (utilizzati ancora oggi), per raggiungere dal porto le abitazioni dei coloni torresi stabilitisi a Le Forna. Accanto alle case vi è il sentiero che conduce alla frazione di Le Forna. Accessibile via terra, distante dal porto 1.8 miglia, tempo di andata 18 minuti. resta in ombra dalle 16.30.

CALA D'INFERNO

In questa zona è ben visibile il cunicolo dell'acquedotto greco-romano che da Cala dell'Acqua arrivava fino al centro abitato di Ponza. Nella seconda meta' del XVIII secolo furono scavati nella roccia i gradoni, (utilizzati ancora oggi), per raggiungere dal porto le abitazioni dei coloni torresi stabilitisi a Le Forna. Accanto alle case vi è il sentiero che conduce alla frazione di Le Forna. Accessibile via terra, distante dal porto 1.8 miglia, tempo di andata 18 minuti. resta in ombra dalle 16.30.

ARCO NATURALE O SPACCAPURPO

Parte dei toponimi ponzesi è in dialetto napoletano. Questo perché nel 1734 Ponza venne ripopolata da coloni provenienti da Ischia e da Napoli, che diedero al territorio dell'isola le denominazioni più svariate. Percorribile da barche di media grandezza, il fondale varia dai 6 ai 3 metri. Conviene non ancorarsi in prossimità dell'arco per il frequente viavai di barche. Inaccessibile via terra, servizio accompagnamento dal porto distante 1.9 miglia, tempo d'andata 19 minuti. questa zona resta in ombra dalle 15.30 circa.

SPIAGGIA DELLO SCHIAVONE

Prende il nome dalla collina omonima. E' composta di sassi abbastanza grandi e scomodi per stendersi a prendere il sole.

Escursioni di Zannone

La piccola Zannone è l'unica delle isole dell'Arcipelago Ponziano non di origine vulcanica . Dal '79 è stata annessa al Parco Nazionale del Circeo.

Escursioni di Palmarola

Palmarola è stata definita da Folco Quilici una delle isole più belle del mondo. Il tour di Palmarola parte dal porto di Ponza tutti i giorni.